Certificazioni del Pellet

Share Button

Alcune certificazioni del Pellet

Pellet consigliati

Certificazioni del pellet

Consiglio: i pellet di legno dovrebbero avere una superficie liscia, leggermente lucente ed assente da screpolature.

Combustibile normalizzato: pellet di legno

All’acquisto del pellet richiedete sempre una buona qualità del combustibile, controllando con attenzione le offerte troppo economiche. Con acquisto di un pellet di qualità, contribuite a un funzionamento senza inconvenienti del vostro riscaldamento a pellet. Buoni pellet di legno possiedono una minima umidità residua, che significa un elevato potere calorico e valori di emissioni molto bassi. Lucido, liscio, di lunghezza regolare e con poca polvere – così si riconosce a vista un buon pellet.

I criteri di qualità per un combustibile normalizzato sono fissati dalle normative DIN 51731 (Germania), ÖNORM M 7135 (Austria) e SN 166000 (Svizzera) Dalla primavera 2010 è comparsa sul mercato una nuova certificazione, la DIN-Plus, che riunisce i vantaggi della DIN 51731 e dell’ÖNORM M 7135, e che stabilisce elevate caratteristiche di abrasione e controllo. Nell’ottobre 2009, durante il 9° Convegno dell’Industria del pellet a Stoccarda, è stato comunicato che dall’inizio 2010 entra in vigore la nuova EN 14961, che prende il posto delle singole regolamentazioni nazionali. La certificazione ENplus è un importante sigillo di qualità per i pellet. Solo i pellet che rientrano nei severi criteri ricevono questo contrassegno. Grazie alla nuova normativa, per il consumatore il mercato diventa ancora più trasparente e i prodotti dei singoli produttori si possono facilmente confrontare.

Lascia un commento